Infinito, di Giacomo Leopardi

Un’interpretazione personale